Emorroidi e Cibo Piccante: che Correlazione c’è?

Le spezie piccanti come il peperoncino sono molto salutari perché contengono, tra le altre cose, vitamine e antiossidanti. Essi permettono di mangiare un po’ più saporito senza assimilare molte calorie in eccesso e consentono, tra le altre cose, di risparmiare un po’ di sale, a tutto vantaggio del nostro corpo.

Chi ha le emorroidi, però, potrebbe trovare sconveniente mangiare cibo piccante, soprattutto a causa della paura di aggravare il dolore che si prova ed il prurito che solitamente questo problema porta con sé. Inoltre, si teme anche che il peperoncino o altre spezie piccanti possano aggravare la condizione di sanguinamento rettale.

In realtà ci sono prove che le spezie e il peperoncino in generale possano provocare le emorroidi, mentre è vero che i cibi piccanti possono portare al mal di stomaco, problema che intensifica il fastidio emorroidale.

Perché il cibo piccante potrebbe aumentare il rischio di emorroidi

Le emorroidi sono delle vene gonfie che si trovano nell’ano o nel retto. In quanto tali, possono “lacerarsi” in caso di diarrea o stitichezza (per saperne di più, leggi anche il nostro approfondimento sulla relazione tra stitichezza ed emorroidi), con conseguente sanguinamento mentre si fa la cacca.

Oltre a causare dolore, le emorroidi (sia interne che esterne) possono portare prurito, bruciare, far male e sanguinare.

Per questo motivo è consigliato evitare i cibi piccanti, il caffè e l’alcol, tutte cose che possono peggiorare i sintomi delle emorroidi.

Uno studio del 2006 su “Le malattie del colon e del retto”, ha determinato che il peperoncino in polvere non ha, in realtà, grandi effetti sull’aggravamento delle emorroidi. Lo studio è stato fatto su un totale di 50 pazienti per due settimane.

Essi sono stati divisi in due gruppi: al primo è stato data, per una settimana, una capsula contenente polvere di peperoncino rosso piccante, al secondo un placebo. Dopo una settimana, i ricercatori hanno invertito il trattamento emorroidi. Alla fine del periodo di studio, i punteggi dei sintomi sono rimasti invariati.

Emorroidi e diarrea, ecco la vera correlazione

Un eccesso di capsaicina, la componente piccante del peperoncino, può invece causare degli attacchi gravi di diarrea, così come gli alimenti troppo zuccherati e i cibi fritti. Se è cronica, la diarrea può invece portare o aggravare le emorroidi sanguinanti.

Emorroidi e stipsi, attenzione a salumi e formaggi

Le diete ricche di cibi grassi, come salumi e formaggi, sono la causa più comune di stipsi. Se i cibi piccanti si uniscono a questa particolare “dieta”, possono aumentare ancora di più i rischi di stitichezza, che a sua volta può contribuire al sanguinamento delle emorroidi. In questo caso, non è il peperoncino che contribuisce alle complicazioni delle emorroidi, ma i cibi grassi di base.

DIETA PER MIGLIORARE LA DIGESTIONE

Considerazioni finali

Sono molte le possibili cause del sanguinamento rettale. Le emorroidi, insieme con le ragadi anali, possono essere condizioni dolorose, ma per fortuna sono anche relativamente innocue (per approfondimenti ti invitiamo a leggere il nostro testo sulle emorroidi a 14, 15 e 16 anni).

Tuttavia, il sanguinamento rettale può anche derivare da ben più gravi condizioni di salute, come l’ulcera, il cancro, la cirrosi o il morbo di Crohn. Se si dovesse notare del sangue dal retto in maniera abbastanza frequente, è necessario consultare il proprio medico per escludere eventuali condizioni di salute gravi.

Bere molta acqua può contribuire ad alleviare i sintomi della stitichezza o della diarrea, mentre seguire i rimedi casalinghi per le emorroidi aiuta ad alleviarne il fastidio.

Leggi altro:
Emorroidi: quando andare dal medico

Le emorroidi sono un problema abbastanza comune, soprattutto tra le persone di età da 45 a 75 anni. La maggior...

Sanguinamento rettale: cause, cure e rimedi

Il sanguinamento rettale è una cosa sempre molto allarmante quando si verifica. A volte è del tutto inaspettata, mentre altre volte...

Emorroidi: formazione e sintomi

Le emorroidi non sono facili da diagnosticare, anche se quasi il 50% delle persone in tutto il mondo ne soffre....

Chiudi