Rimedi per le Emorroidi: il Ghiaccio

Prima di ricorrere all’uso di farmaci e antidolorifici, i quali possono portare a delle complicanze ben più serie rispetto al dolore emorroidale, si possono applicare dei rimedi casalinghi per le emorroidi e vedere se il dolore passa.

E’ noto che uno dei problemi legati alle emorroidi è dovuto al gonfiore della zona colpita, la quale potrebbe creare problemi (e dolore) sia nel sedersi che nel camminare, fino anche a sanguinare, con rischio di infezioni.

Considerando che il dolore emorroidale può perdurare anche per diversi giorni, diventa importante riuscire ad attenuare per quanto possibile il fastidio e, in questo, il ghiaccio è uno dei migliori alleati.

Ghiaccio come rimedio per le emorroidi

Certo, non si tratta di un rimedio in sé per sé, nel senso che non permette di guarire dalle emorroidi, ma fornisce un sollievo immediato dal dolore e dal fastidio.

Come applicare il ghiaccio?

E’ importantissimo mettere il ghiaccio all’interno di un fazzoletto di cotone bianco. Evitate materiali che non siano cotone in quanto non adatti allo scopo, così come evitate panni colorati perché potrebbero irritare la zona.

Chiudere il pacchetto ed applicare sulle emorroidi per 5 minuti al massimo. Dopodiché bisognerebbe prendere un po’ di riposo dall’applicazione e riapplicarla dopo una mezz’ora circa.

E’ importantissimo avvolgere il ghiaccio in fazzoletti di cotone bianco per evitare di farlo entrare direttamente a contatto con la zona colpita dalle emorroidi e rischiare delle bruciature da freddo. Allo stesso modo non bisognerebbe prolungare l’applicazione del ghiaccio per oltre 5 minuti per evitare eccessivo freddo.

Gli effetti

L’effetto principale dell’applicazione del ghiaccio sulle emorroidi è quello di sgonfiare la zona e di anestetizzarla, diminuendo il dolore. La velocità con la quale tutto questo avviene è davvero fenomenale, addirittura meno di cinque minuti.

Perché funziona?

Il ghiaccio è un anestetizzante naturale in virtù della sua temperatura molto bassa, ecco perché si consiglia per diminuire il dolore.

Alternative alla “crioterapia” casalinga

Se proprio non riuscite a sopportare l’idea di applicare del ghiaccio sulle emorroidi, magari perché è veramente troppo freddo, oppure se avete provato ma non avete sopportato le basse temperature per più di pochi secondi, gli esperti consigliano il semicupio come alternativa.

In sostanza bisogna immergersi in una vasca di acqua tiepida, tanta quanta è sufficiente per coprire la zona dell’ano. L’acqua, di per sé, aiuta a calmare un po’ il dolore, mentre per disinfettare si può usare del bicarbonato (che non brucia). Alternativa a quest’ultimo sono poche gocce di tintura madre di calendula nell’acqua.

Anurex, crioterapia per le emorroidi

Anurex è un prodotto scientificamente sviluppato pensato per chi soffre di emorroidi. Viene pubblicizzato come un prodotto “drug free”, il che significa che non è un medicinale e pertanto è possibile usarlo anche in gravidanza.

Che cosa è Anurex? Come funziona?

Anurex è un dispositivo terapeutico della dimensione di un piccolo dito che deve inserito all’interno dell’ano. Anurex usa la crioterapia per dare un sollievo immediato al dolore, al prurito, alle infiammazioni e al sanguinamento da emorroidi. Sigillato all’interno dell’applicatore di plastica c’è un liquido che raffredda la zona, formulato scientificamente per rilasciare, una volta congelato, un freddo graduale direttamente al tessuto rettale interno. Questa azione di raffreddamento fa sì che i vasi sanguigni nella zona interessata tendano a ridursi, il che a sua volta calma il gonfiore del tessuto, riducendo il sanguinamento, il dolore e il prurito.

Il freddo controllato che viene erogato da Anurex è stato progettato per la massima sicurezza e non danneggia i tessuti rettali. E’ inoltre un trattamento di crioterapia casalingo privo di effetti collaterali e facile da usare. Il trattamento raccomandato dal sito ufficiale è due volte al giorno per otto minuti, ma può essere utilizzato con la frequenza desiderata e potrebbe eliminare la necessità di altri trattamenti medici.

ANUREX è stato sviluppato e brevettato inizialmente negli Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Messico e Corea. E’ stato registrato con la F.D.A. americana (Food and Drug Adminstration) nel 1986 e oggi è regolamentato in diversi stati del mondo, tra cui anche in Italia.

Studi clinici hanno dimostrato che Anurex è efficace nel 85-95% dei pazienti che soffrono di emorroidi.

Cosa fare se il dolore non passa

Se, nonostante l’applicazione del ghiaccio o di Anurex sulle emorroidi, il dolore non passa, rimane costante o addirittura aumenta, rivolgetevi subito ad un medico per evitare l’aggravarsi della situazione e per potervi far dare un rimedio che possa realmente farvi passare il dolore e risolvere il problema “alla radice”.

GUIDA AL TRATTAMENTO DELLE EMORROIDI